Tatuaggio Tribale

 

tatuaggi-fiore-tribale

Una delle categorie di tattoo più gettonata tra gli amanti di quest'arte millenaria riguarda il tatuaggio tribale, la cui peculiarità è quella di essere caratterizzato da disegni astratti, realizzati con linee ben definite e marcate e riempito essenzialmente di nero.

I tatuaggi che rappresentano icone e simboli tribali si sono diffusi prevalentemente negli anni Novanta e fondano le loro basi su contaminazioni provenienti dalle tecniche utilizzate nelle Isole del Pacifico, in Nuova Zelanda, nel Borneo e dalla tradizione tramandata dagli Indiani d'America.

Il tatuaggio tribale, nelle civiltà che lo praticano, nasce come espressione della spiritualità e dell'identità di un popolo, lo stesso termine tribal secondo molti linguisti deriva da tribù (che notoriamente indica una determinata unità sociale caratterizzata da omogeneità culturale e linguistica), quindi racchiude in sé una miriade di simboli e rappresentazioni che variano in base all'etnia.

Il tatuaggio tradizionale maschile utilizzato nell'isola del pacifico di Samoa, ad esempio, è il pe'a che parte da metà schiena proseguendo fino alle ginocchia e serve per identificare la classe sociale di appartenenza dell'individuo. Nel Borneo, invece, uno dei più comuni è il disegno simbolico del lukut, tatuato sul polso degli uomini allo scopo di prevenire le malattie.

Impeccabili a livello estetico ma anche ricchi di contenuti spirituali e ideologici, i tatuaggi tribali sono amatissimi soprattutto per la loro capacità di esprimere a 360 gradi il significato moderno del tatuaggio: l'espressione più intima della personalità di chi decide di imprimerlo sulla propria pelle.

Molte delle categorie di tattoo sono un patrimonio tramandatoci dalle più antiche culture, ma se per le popolazioni antiche la decorazione del corpo serviva essenzialmente per identificare (sia in positivo che in negativo)un determinato avvenimento o una specifica appartenenza sociale, per l'uomo moderno questa arte si è radicata e deve il suo successo non tanto a quel tratto esibizionistico che porta con sé, ma soprattutto alla sua capacità di mantenere quella sacrosanta intimità tra un determinato simbolo e chi lo indossa.

Vai alla galleria dei tatuaggi maori realizzati dal Katana Tattoo Studio